Coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, furto aggravato e ricettazione. Con queste accuse i carabinieri della compagnia Piazza Verdi, nell’ambito dei numerosi servizi di controllo del territorio, hanno arrestato a Bonagia un 28enne palermitano. Nel corso di una perquisizione nell’abitazione del giovane, in via Aloi, i militari – all’esterno – hanno scovato due Mercedes Smart rubate oltre a una serra artigianale indoor allestita per la coltivazione di 78 piante di marijuana (42 erano state disposte su due file e sistemate in vasi e terriccio, mentre le altre 36 erano già tagliate e appese su rudimentali essiccatoi).

“La struttura, nonostante fosse primitiva, era perfettamente funzionante – dicono i carabinierei – ed era alimentata elettricamente attraverso un quadro elettrico, al quale erano collegati 12 reattori che approvvigionavano altrettante lampade alogene. La serra era inoltre servita da condizionatori, ventilatori ed aspiratori, tutti perfettamente funzionanti grazie a un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.

Le piante sono state sottoposte a sequestro e campionate per le analisi qualitative e quantitative della sostanza. Il ventottenne è stato arrestato e portato in carcere al Pagliarelli e adesso si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Gallery

  • carabinieri smart marijuana (1)-2