Scoperto un traffico di olio lubrificante di provenienza sconosciuta a Palermo. Il blitz della Guardia di Finanza, questa mattina all’alba, è scattato all’interno della sede operativa di una ditta che ufficialmente si occupava della vendita al dettaglio di ricambi auto ma che era dedita al contrabbando: violava le norme sul trasporto e sullo stoccaggio dei combustibili. Il titolare della ditta, un palermitano di 45 anni, è stato denunciato per contrabbando di prodotti energetici e per l’omessa denuncia di un ingente quantitativo di prodotto infiammabile detenuto senza avere il Certificato di prevenzione incendi. Complessivamente sono circa 18 mila i litri di prodotto sequestrato per un valore stimato di 95 mila euro.

Sequestro olio lubrificante: il blitz delle fiamme gialle VIDEO

Ad insospettire le fiamme gialle il continuo via vai di furgoni pronti al successivo carico. All’interno della ditta i Finanzieri hanno trovato migliaia di lattine e di flaconi di olio lubrificante, tenuti senza rispettare le leggi sulla sicurezza della conservazione di liquidi infiammabili e, quindi, altamente pericolosi. Fra batterie, rotoloni di carta, supporti meccanici ed utensili vari, nel box/magazzino, ben occultata da una parete costituita da materiale plastico c’era una gigantesca cisterna di olio lubrificante. Proseguono gli accertamenti dei Finanzieri per scoprire la reale provenienza e la destinazione del prodotto, nonché per ricostruire il giro d’affari della ditta che, per ora, ha evaso al fisco circa 7 mila euro di imposte di consumo.

Gallery

  • FOTO 1-8
  • FOTO 2-3-11