Giovedì 14 dicembre dalle 17:45 a Palermo, presso l’Auditorium Rai di viale Strasburgo, per il ciclo “I libri di Segno”, presentazione di Vorago et vertigo di Marcello Benfante, edizioni il Palindromo.

Con l’autore dialogheranno Nino Fasullo fondatore di Segno, Alfonso Geraci di PalermoGrad, Gianfranco Perriera regista e scrittore. L’attrice Elena Pistillo leggerà brani tratti dal libro, accompagnata dalla chitarra di Paolo Rigano. A 25 anni dalla strage, un racconto onirico dalla voragine di Capaci. “Vorago et vertigo” è un racconto metaforico sulla deflagrazione che ha segnato la storia d’Italia. Il 23 maggio del 1992 rappresenta l’anno zero per un intero popolo, quello siciliano, e per la nazione tutta.

Marcello Benfante attraverso la letteratura esorcizza una memoria dolorosa, proiettando in una dimensione narrativa onirica il sentimento di smarrimento e di claustrofobia di quei giorni. Un incubo da cui non si riesce a uscire seguendo i principi razionali che guidano le scelte degli individui; una voragine di paura troppo profonda in cui è precipitato l’inconscio collettivo, disintegrato insieme a quel boato immondo.

Ingresso libero