Falsi vaccini anti Covid in cambio di soldi, arrivano le condanne.

Quattro persone sono state condannate in relazione alle false vaccinazioni effettuate presso l’hub della Fiera del Mediterraneo di Palermo. Le condanne riguardano due infermiere e due pazienti coinvolti nella frode che sarebbe stata messa in atto al fine di far ottenere il cosiddetto Green_Pass che permetteva, in pandemia, di effettuare diverse azioni vietate ai non vaccinati.

Le infermiere condannate sono Giorgia Camarda e Anna Maria Lo Brano, entrambe in servizio presso l’ospedale Civico. A loro è stata inflitta una pena di sei anni di carcere ciascuna. Per quanto riguarda i pazienti, Filippo Accetta, noto attivista no vax, è stato condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione, mentre Giuseppe Tomasino ha ricevuto una condanna di quattro anni e quattro mesi.

Secondo le indagini, tra dicembre 2021 e gennaio 2022, in piena pandemia, le due infermiere avrebbero accettato denaro, circa 400 euro, per simulare la somministrazione del vaccino anti-Covid. Invece di iniettare il farmaco, lo avrebbero versato su una garza. Le intercettazioni telefoniche e ambientali, insieme alle riprese video effettuate nel centro di vaccinazione, hanno permesso di accertare che l’infermiera aveva realizzato almeno altre otto false vaccinazioni. Tra i destinatari di queste vaccinazioni false ci sarebbero stati anche una collega delle infermiere, anch’essa operante presso la Fiera del Mediterraneo, e un membro delle forze dell’ordine in servizio a Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto