BRUCIANO MATERIALE  FERROSO PER RICAVARNE VEROSIMILMENTE RAME. CARABINIERI ARRESTANO QUATTRO PERSONE

PALERMO: i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno tratto in arresto per il reato di combustione di rifiuti tossici, Coglitore Rosario, nato a Palermo, classe 1953, ivi residente, Caravello Rosario nato a Palermo, classe 1990, ivi residente, Alvich Marcello nato a Palermo il classe  1970, domiciliato in Palermo e Greco Antonino nato a Palermo, classe 1994, ivi residente.

I Carabinieri, attirati da un intenso fumo tossico e maleodorante, hanno sorpreso i predetti, in un fondo agricolo, sito in via Torre Ingastone, intenti a bruciare del materiale ferroso contenente plastica e cavi elettrici allo scopo di ricavare del rame

( circa 200 kg ) per poi, verosimilmente, rivenderlo.

Al termine  delle formalità  di rito, Coglitore, colto da malore, è stato accompagnato dal personale del soccorso medico  118 presso un’ ospedale cittadino e poi una volta dimesso condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari, Alvich  Caravello e Greco sono stati tradotti presso le proprie abitazioni in regime di arresti domiciliari. Tutti  in attesa dell’ udienza di convalida, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.