Chiude la discarica di Bellolampo, è emergenza rifiuti a Palermo

Da ieri sera la discarica di Bellolampo, l’impianto dove vengono conferiti i rifiuti della città di Palermo è chiusa. La sesta vasca è piena e per continuare a portare la spazzatura serve una nuova autorizzazione.

Nelle ultime ore e negli ultimi giorni si è assistito ad un rimpallo di competenze tra il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente della Regione e commissario per l’emergenza rifiuti Nello Musumeci. Il rischio che la città ripiombi in una nuova emergenza rifiuti è altissimo.

Bastano un paio di giorni di mancata raccolta perché le tonnellate di immondizia prodotte ogni giorno restino depositate lungo le strade nei pressi dei cassonetti e o nei marciapiedi in quelle zone dove si effettua la differenziata. Il presidente della Rap Giuseppe Norata spera che possa arrivare quanto prima un’autorizzazione. C’è un piano B: quello di portare i rifiuti nelle altre discariche della Regione.

Ma in questo caso i costi aumenterebbero e non di poco. I sindacati Fit Cisl, Uil Trasporti, Fiadel e Filas sono molto preoccupati per l’emergenza ormai alle porte.

“Chiederemo un incontro al sindaco di Palermo – dicono i sindacati – Non vogliamo assistere da spettatori a quanto sta avvenendo. I lavoratori in questi mesi hanno dimostrato molto buon senso nonostante la situazione difficile di mezzi e di organico. Oltre alla condizione della discarica serve un nuovo piano industriale di rilancio della Rap, un incremento della differenziata, e una programmazione sull’impianto di Bellolampo. Un vero piano di programmazione che in questi anni non c’è stato per scongiurare nuovi emergenze che danneggiano i lavoratori e i cittadini”.

Intanto il presidente della Rap fa sapere che “i compattatori che servono la raccolta dei rifiuti in città stanno regolarmente conferendo nella discarica di Bellolampo.

Per la notte appena trascorsa, è stato dato mandato di effettuare il servizio regolarmente ed eventualmente lasciare carichi i compattatori.

L’auspicio  che oggi , come già sollecitato dal vice Sindaco Sergio Marino, venga emanata da parte del Presidente della Regione apposita ordinanza per evitare che si possa bloccare definitivamente il conferimento dei rifiuti indifferenziati  a Bellolampo con la ricaduta a cascata sul servizio di raccolta in tutta la città”. Ma la situazione appare difficile e non solo per Palermo visto che Bellolampo serve altri comuni ed è, comunque, la più grande discarica pubblica della Sicilia

Chiude la discarica di Bellolampo, è emergenza rifiuti a Palermo 2018-10-30T13:49:09+00:00 Alessandro