La Procura ha aperto un’inchiesta e sequestrato le cartelle cliniche , per accertare i fatti che hanno portato alla morte di Gaetano La Corte, 66enne di Partinico,morto all’ospedale Villa Sofia il 23 luglio. A presentare la richiesta alla Procura la moglie e i familiari del pensionato partinicese sul cui corpo è stata eseguita l’autopsia , il cui esito si sapra entro i prossimi tre mesi. La direzione aziendale degli Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello, fa sapere di avere avviato anche un’indagine interna per accertare quanto accaduto. e precisa che “Dopo il trattamento mediante intervento di stenting carotideo per pseudoaneurisma da lesione traumatica di un vaso, effettuato dal professionista C.C., consulente presso l’azienda per l’esecuzione di questi specifici interventi la morte è sopraggiunta a distanza di alcuni giorni in seguito a complicanze severe e assolutamente inattese. Il paziente è stato seguito nei giorni successivi all’intervento presso l’Unità Operativa Neurorianimazione e trattato con altissima intensità. Ciò nonostante non è stato possibile scongiurare il peggioramento delle sue condizioni fino all’esito fatale avvenuto il 23 luglio”. A seguito dell’intervento delle autorità giudiziarie l’azienda ha messo a disposizione “ogni utile informazione e offre la massima collaborazione agli inquirenti ” . i funerali di Gaetano La Corte si terranno domani alle 9,30 in Chiesa Madre

Partinico: la Procura apre un’inchiesta sulla morte a Villa Sofia di un pensionato 2018-07-27T19:26:17+00:00 Giuseppe Noto