Schiamazzi e musica fino a notte, consumo di alcol e stupefacenti (anche da parte di minori) e lavoratori assunti in nero nei locali della nuova movida cefaludese. Sono tre le attività di via Carlo Ortolani di Bordonaro che saranno sanzionate da 1 a 10 mila euro per le irregolarità riscontrate sulla vendita e somministrazione di bevande alcoliche, in alcuni casi anche a ragazzini. Tra questi il pub Gafludi per il quale è stato accertato il superamento delle emissioni sonore.

I controlli degli agenti del commissariato di Cefalù, supportati dal personale del Reparto prevenzione crimine, dalle unità cinofile dell’Upgsp e in collaborazione con la guardia di finanza e i tecnici dell’Arpa, sono stati avviati a seguito di numerose e ripetute segnalazioni dei residenti esasperati da musica ad alto volume che avrebbe reso quella via invivibile nelle ore serali e notturni di festivi e prefestivi.

I risultati degli accertamenti hanno effettivamente “consentito – si legge in una nota della polizia – di riscontrare l’abuso di strumenti sonori, il disturbo delle occupazioni e del riposo di un numero rilevante di residenti, nonché l’assunzione in nero di alcuni giovani presso i locali”. Rispetto al consumo di alcol da parte di minori saranno organizzati incontri nelle scuole per affrontare la questione insieme ai genitori.

Infine sono in corso altri accertamenti, anche con l’ausilio dei competenti uffici dell’Amministrazione, relativamente all’occupazione e l’utilizzo del suolo pubblico comunale da parte di alcuni esercizi pubblici. Sembrerebbe infatti che più di un locale occuperebbe porzioni di suolo pubblico andando oltre gli spazi consentiti rischiando, in situazioni di emergenza, di rendere difficile il passaggio di un’ambulanza.

Alcol a minorenni e schiamazzi fino a tarda notte, multati tre pub a Cefalù 2018-01-15T08:57:35+00:00 Alessandro