Studenti ricordano eroi antimafia :Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Boris Giuliano, Peppino Impastato, ma anche Salvo Lima. L’accostamento “infelice” tra alcune delle figure rappresentative della lotta alla mafia in Sicilia e l’esponente Dc ritenuto invece vicino alle cosche è stato fatto dagli studenti del liceo Don Bosco, ieri sera nel corso della notte bianca dell’istituto. Un’associazione che ha scatenato la polemica, tanto da indurre il preside a chiedere scusa pubblicamente per quello che è stato definito un “errore materiale”.

I ragazzi, nel corso della serata, hanno proiettato le foto di alcune vittime della mafia e ne hanno scandito i nomi. Tra le immagini è comparsa però anche quella di Salvo Lima. Ucciso nel 1992, è ritenuto uno degli anelli di collegamento tra la criminalità organizzata e la politica siciliana tra gli anni ’80 e ’90. La sua morte è stata decisa dai boss come “punizione” per gli “impegni” non rispettati.

L’iniziativa dei ragazzi del Don Bosco ha quindi innescato la polemica. “L’esibizione di alcuni nostri alunni di terzo anno – precisa il preside Nicola Filippone – si è conclusa con la citazione del Somnium Scipionis di Cicerone, accompagnata da una riflessione sull’importanza dell’impegno civile e politico in nome della libertà propria e dei posteri. Mentre i ragazzi leggevano, sullo sfondo si proiettava un collage fotografico in cui si volevano ricordare le vittime della mafia: Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone, Lenin Mancuso, Peppino Impastato

Rita Atria, Paolo Borsellino, Boris Giuliano, Pino Puglisi, Rocco Chinnici. La scelta di questi nomi nasceva dalla volontà di presentare un quadro rappresentativo della società e di tutte le categorie di persone accomunate dal medesimo sacrificio. Purtroppo, la foto che avrebbe dovuto riprodurre Lenin Mancuso, a causa di un errore materiale, era invece quella di Salvo Lima. Ci scusiamo dell’accaduto”.

Studenti ricordano eroi antimafia 2018-01-12T12:55:03+00:00 Alessandro