Come giovani che si dedicano da anni al Partito Democratico, non abbiamo perso la speranza di rappresentare qualcosa di più. Qualcosa di più solido di un’alternativa al contesto politico generale che vive un periodo di profondo degrado morale. Lo facciamo perché crediamo in una proposta coerente con i nostri valori e distinta nelle proposte di politica economica, sociale e istituzionale, nonostante le difficoltà che incontriamo quotidianamente e la distanza che cresce tra la politica e gli elettori. Crediamo che questa sia l’unica strada percorribile se vogliamo credere in un partito che governi i processi, che guardi alla costruzione di una società più giusta. Non ne facciamo una questione di principio ma vogliamo difendere le ragioni del nostro impegno, specie se riferibili alla nostra terra.

E soprattutto alla nostra generazione. La certezza che i giovani abbiano perso fiducia nel Partito Democratico, nel ruolo che esso riveste nella gestione dei delicati passaggi degli ultimi mesi non ci consente di abbassare la guardia né di continuare a deludere le aspettative di chi continua a credere in questo Partito. Siamo stati spettatori, vivendola con forte imbarazzo, dell’evoluzione post-voto in Sicilia. Pensavamo che la tornata elettorale avesse fornito l’occasione di una profonda riflessione sui limiti evidenziati nei cinque anni al governo, l’occasione per imprimere un cambiamento che rinnovasse la proposta politica, rinnovando la fiducia nei siciliani che scappano dal voto o che vengono ammaliati dalle sirene del populismo. Così, a un mese e mezzo di distanza non ci sono stati momenti seri di riflessione né valutazioni politiche che facessero autocritica sull’esito del voto: chiara dimostrazione che l’establishment del nostro partito non è riuscito a cogliere il messaggio che i siciliani ci hanno mandato con il voto. Ci siamo arresi a quel senso comune che s’era diffuso durante il voto, che ci vedeva esclusi dalla corsa per governare la regione, dove tutto era ridotto al confronto tra centro destra e M5s, prima ancora della fine della competizione. La giornata di ieri ha confermato in maniera disarmante che una parte della classe dirigente del nostro partito non ha il minimo rispetto per noi stessi, confermando quel senso comune che vede il confronto politico tra centro destra e M5s Proviamo vergogna per il comportamento di alcuni dei nostri Parlamentari rispetto al voto per l’assegnazione della Presidenza dell’Assemblea.

Andando ben oltre il riconoscimento dell’onore delle armi, il gesto di votare il commissario di Forza Italia nonché uomo di punta del centro destra è un atto vergognoso e privo di rispetto verso gli elettori e la storia del PD. Votare chi ha raggiunto il consenso attraverso imputati, indagati e condannati o voltagabbana riciclati della politica che cambiano schieramento in base alla propria convenienza. A questi, se ne sono aggiunti, da ieri, altri quattro. Non possiamo accettare l’assimilazione populista che asserisce che i politici sono tutti uguali: il nostro impegno politico è sempre stato segnato dai valori fondamentali della sinistra, dei principi di legalità e riscatto di una generazione chiamata a rimboccarsi le maniche, pagando il prezzo di una politica collusa con gli interessi di pochi.

Oggi non possiamo più stare in silenzio. Come possiamo presentarci alternativi ad altre forze politiche se poi legittimiamo i nostri avversari sugli scranni più alti del Parlamento Siciliano? Come possiamo essere credibili quando diciamo che non governeremo con la destra dopo il voto, se in Sicilia, dopo una sconfitta, alcuni dei parlamentari del PD si consegnano, mortificando le Istituzioni, rappresentando il peggiore trasformismo che ha impoverito e condannato la nostra terra? Come possiamo coinvolgere le giovani generazioni in un processo di rinnovamento della politica e del nostro partito se non ci comportiamo in modo alternativo alla peggiore destra d’Italia? Come possiamo fare credere ancora nella politica se poi sembra uno scambio di cortesia all’interno di un ceto politico? Chiediamo alla classe dirigente del Partito Democratico siciliano di rispondere in maniera chiara a questi interrogativi, prendendo le distanze da un tale gesto, prendendo misure nei loro confronti. Vogliamo sapere chi ha fatto uso delle Istituzioni e del Partito per questioni personali.

Non siamo un taxi di ceto politico. Per le sfide che dovremo affrontare non possiamo sapere chi siamo e che direzione vogliamo prendere. Senza chiarezza e coerenza, il partito liquido a cui siamo purtroppo arrivati oggi non sarà nient’altro che un partito acquoso, che non sa di niente e per questo pensa di stare bene su tutto, sbagliando e consegnando il paese alle destre e ai populismi.

Massimo Parisi Segretario GD Federazione Messina Simona Lo Schiavo Direzione regionale GD Antonio Restifo Segretario Circolo dell’Agrò Claudio Lentini Segretario Circolo GD Capizzi Elvira Martino Segreteria GD Palermo Ruggero D’amico Direzione regionale PD Chiara Puccio Direzione provinciale GD Palermo Fabrizio Pitarresi Direzione regionale GD Francesco Carnevale Federazione GD Palermo Alfredo De Roberto Federazione GD Palermo Luca Purpura Federazione GD Palermo Gabriele Carnevale Federazione GD Palermo Stefano Alia Direzione regionale GD Bianca Mascolino Consigliere comunale PD Vittoria Angelo Tummino, Segretario GD Comiso Salvo Odierrna, Direzione regionale GD Domenico Catuara Segretario GD Federazione di Agrigento Gaetano Bosciglio, Direzione Regionale GD Angelo Cuva Consigliere comunale Canicattì Dennis Lattuca, Direzione regionale GD Salvatore Iacono, Direzione Nazionale GD

Giovani democratici, alcuni dirigenti non ci stanno: “Con l’elezione di Miccichè, la misura è colma” 2017-12-17T07:57:25+00:00 Alessandro