Da questa mattina l’associazione Le Onde Onlus, da anni impegnata nella tutela delle donne vittime di violenza, ha la sua nuova sede in viale Campania in un bene confiscato alla mafia e assegnato dal Comune. Il bene è stato assegnato attraverso un bando e la sua ristrutturazione è stata possibile grazie a risorse dell’Associazione, con il contributo del Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il supporto di Ikea, dell’associazione “Un fiore per Giulia” e grazie all’aiuto di cittadini che hanno sottoscritto una donazione.

All’incontro con i giornalisti erano presenti il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori alla Scuola e alle Attività sociali, Giovanna Marano e Giuseppe Mattina, oltre alla presidente de Le Onde Onlus, Mariagrazia Padronaggio, al questore Renato Cortese, al presidente dell’associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia, Francesco Micela, a Fabrizio De Nicola, Commissario Azienda ospedaliera “Paolo Giaccone” e ai rappresentanti delle istituzioni componenti la Rete Antiviolenza cittadina.

“La nuova sede – ha sottolineato il sindaco Leoluca Orlando – permetterà di far crescere con maggiore impegno la cultura del diritto e in questo caso del diritto alla libertà della donna che spesso è vittima di atti di violenza. Qui tutte le donne vittime di una grave inciviltà potranno avere assistenza psicologica, legale e sociale, cioè una presa in carico della donna come persona e come forma di risposa a chi considera la donna in oggetto di violenza”.

Il Centro antiviolenza, gestito dall’associazione, ha offerto dagli anni ’90 alle donne un luogo dove pensare un nuovo progetto di vita per sé e per i figli e le figlie attraverso un insieme di attività che iniziano con l’ascolto telefonico e la valutazione del rischio, si strutturano in colloqui periodici di accompagnamento per l’uscita dalla violenza, l’attivazione dei servizi della rete palermitana, le consulenze legali e psicologiche, l’orientamento professionale e all’inserimento lavorativo, la messa in protezione della donna, l’ospitalità in casa rifugio a indirizzo segreto. In questi anni ha accolto oltre 10.000 donne.

Violenza sulle donne, la nuova sede de “Le Onde Onlus” in un bene confiscato 2017-12-12T12:49:50+00:00 Alessandro