VILLABATE – il Villabate degli ex La Bianca e Lo Coco vince con pieno merito il derby con gli uomini di Mineo e si allontana dalla zona calda della classifica. Una vittoria netta, limpida ma soprattutto meritata quella ottenuta dagli uomini di La Bianca cui il risultato di misura sta anche stretto ottenuto contro un Bagheria troppo brutto per essere vero. Una squadra quella nero-azzurra che malgrado il grande impegno messo dai suoi atleti non è stata in grado di concludere una sola volta nello specchio della porta dei locali anche quando sono stati schierati tutti gli attaccanti a disposizione e che è stata tenuta a galla dalla strepitosa parata di Milani a metà ripresa sull’indemoniato Tummarello. Proprio Tummarello è stato l’artefice della vittoria dei locali riuscendo in tutto quello che deve fare un attaccante ovvero gioco di sponda, proteggere palla e fare risalire la squadra cosa che nessuno degli uomini di Mineo è stato in grado di fare per tutta la durata dell’incontro.

E dire che la gara nei minuti iniziali aveva visto un Bagheria spigliato che prendeva in mano il comando delle operazioni ma di fatto di conclusioni verso la porta difesa dal portiere locale non se ne registrano. Anzi sono i locali che intorno al 15’ su calcio d’angolo timbrano il montante con un colpo di testa di un difensore sganciatosi dalle retrovie. Il Bagheria soffre maledettamente le ripartenze dei locali che trovano in Tummarello il terminale offensivo che oltre a tenere in ambasce la difesa dei nero-azzurri che va sovente in difficoltà per via della vivacità degli uomini di La Bianca.

E così dopo un paio di contropiedi sventati con qualche difficoltà dagli uomini di Mineo arriva la rete del vantaggio dei locali con Giglio che al 38’ finalizza una ripartenza malgrado prima Milani ne avesse intercettato la conclusione e poi Accomando avesse tentato di allontanare la sfera sulla linea di porta. Il Bagheria accenna ad una reazione e a seguito di una ripartenza va vicino alla rete del pari ma il colpo di testa di Mineo che aveva superato anche il portiere veniva respinto sulla linea da un difensore. Il Villabate scampato il pericolo centuplica le forze e così il tecnico La Bianca che aveva predisposto una marcatura spietata nei confronti degli uomini chiave della formazione nero-azzurra quali Aiello e De Lisi che uniti alla giornata poco felice in cui incappava Graziano facevano sì che il gioco dei nero-azzurri ne risentisse in maniera evidente. Così senza grossi sussulti si arrivava alla fine della prima frazione di gioco con il Villabate in vantaggio. Nella ripresa il Bagheria si presentava con lo stesso schieramento iniziale ma il laet-motive della partita non cambiava.

Il Villabate minuto dopo minuto avanzava il baricentro delle proprie azioni mentre gli uomini di Mineo anziché badare al sodo si lasciavano andare ad un gioco troppo lezioso quando invece andrebbe ricercata la giocata semplice e non il tocco a sensazione. E così malgrado mister Mineo metta dentro anche Tomasello di fatto le occasioni migliori erano dei locali sempre con Tummarello che al 20’ della ripresa controllava la sfera ma trovava una grande respinta di Milani che teneva a galla il Bagheria. Ancora qualche minuto e sempre Tummarello si liberava della guardia dei difensori ma anziché tirare cercava un improbabile assist per un compagno e l’occasione sfumava. Il Bagheria a parte una protesta per un presunto fallo di mani in area non riesce a bucare l’attenta retroguardia dei locali che senza grossi problemi portano in porto una vittoria preziosa in chiave salvezza.

Appare sconsolato mister Mineo nel post gara: “Oggi non eravamo noi. Dovevamo giocare con molta più intensità. E’ un peccato perché i ragazzi questa settimana hanno lavorato molto bene. Non è stata una gran partita di calcio. Troppo spezzettata e aggiungo pure che il direttore di gara non è stato all’altezza. Ci è mancato tirare in porta e sull’ unica distrazione abbiamo preso gol. Dopo la partita è stata difficile da giocare perché il muro del Villabate è diventato difficilissimo.” Qualcuno ha visto la squadra parecchio nervosa: “Non credo, ma c’era solo la classica tensione da derby. Milani? Giovanni ha fatto la sua partita non ha bisogno di tempo per integrarsi ed è stato uno dei più positivi” Abbiamo chiesto a mister Mineo se aspetta altri rinforzi in questa finestra di mercato: “Alla società non ho chiesto e non chiedo nulla. Continuo a pensare di essere in linea con i programmi di inizio stagione poi si valuterà il da farsi e vedremo se c è bisogno di qualcosa”.

Nel prossimo turno il Bagheria tornerà allo stadio comunale di Santa Flavia e affronterà il Real Finale, ma l’allenatore bagherese non vuole sentire parlare di scontro play off: “Noi ci dobbiamo salvare. Appena pensiamo di fare i play off incappiamo in scivoloni e oggi ne è stata la prova” Il Real Finale degli ex Gagliano, Tripoli e Di Cara ieri si è salvato in extremis grazie ad un rigore nel match che la vedeva opposta alla Pro Tonnarella. Il Bagheria dovrà affrontare la gara senza De Lisi che a causa del giallo rimediato ieri, essendo diffidato, sarà sicuramente squalificato ma una cosa è certa: se si vuole tornare alla vittoria occorrerà uno spirito diverso. Basta con la ricerca spasmodica della giocata a sensazione. Basta con questi giochi di fino….ci vuole voglia e spirito di sacrificio quello che ieri in campo è decisamente mancato.

Villabate – Bagheria c.d.v. 1-0 Villabate: Cusimano, Lo Coco, Gnoffo, Salerno, Di Benedetto, Serranella, Giglio, Petitto, Tummarello (Dal 45° s.t. Requirez), Flauto, Ceraulo( dal 35° p.t Velardi). A disp: Citarda,Fumuso V., La Barbera,De Francesco, Fumuso A. All.: Pino La Bianca

Bagheria C.d.v.: Milani, Nave (Tomasello), Accomando, Graziano, Gagliano, Centineo, Aiello, De Lisi, Mineo (Di Lorenzo), Agiato, Speciale (Lo Piparo). All. Marco Mineo

Arbitro: Zangara di Palermo.

Rete: 38’ Giglio.

Articolo di Giulio Galioto Interviste di Manuel Busetta

Derby flop per il Bagheria, festeggia il Villabate 2017-12-11T09:50:57+00:00 Alessandro