Manita bagherese al Pala Dalla Chiesa contro il Città di Leonforte che nonostante la sconfitta si è dimostrata una squadra molto solida e difficile da battere, ma la vittoria dei ragazzi di mister Tripoli è stata importante non solo ai fini del risultato ma anche perché grazie alla sconfitta dell’Akragas è arrivato il secondo posto in solitaria e adesso il Bagheria Città delle Ville si candida ufficialmente ad essere l’anti Mabbonath.

Nel primo tempo parte a razzo la corazzata nerazzurra che dopo pochi minuti apre le marcature con Leto. Non si fa attendere la risposta leonfortese che riesce immediatamente a pareggiare con Cravotta aiutato anche da una deviazione di Giordano che però riesce a farsi perdonare realizzando il gol del 2-1. Prima dello scadere dei primi 30 minuti il Bagheria Città delle Ville ha altre occasioni per allargare di più il vantaggio, ma c’è troppo spreco davanti la porta avversaria fino a quando Giordano trova il bersaglio giusto e bissa ancora firmando il 3-1 e scrollando così la sfortuna di dosso.

Nella ripresa il Città di Leonforte rende la gara ancora più equilibrata alzando il suo baricentro e mettendo in crisi a tratti la retroguardia bagherese. Tra grandi parate di Lo Piparo e salvataggi sulla linea la squadra di mister Tripoli riesce a difendere il vantaggio e negli ultimi 10 minuti riesce ad archiviare la pratica Città di Leonforte grazie ai gol di Cannata e Cottone che chiudono la partita sul punteggio finale di 5-1. Una bella vittoria resa ancora più bella grazie alla notizia della sconfitta dell’Akragas a Piazza Armerina contro la Gear e sabato prossimo ci sarà proprio la sfida contro la formazione agrigentina, la prima di un lungo ciclo di ferro che il Bagheria si prepara ad affrontare.

In zona mix si presenta Vincenzo Di Carlo che è molto contento della vittoria contro il Città di Leonforte: “E’ stata una vittoria importante come tutte le altre del resto per dare continuità agli ultimi risultati. Abbiamo incontrato una squadra tosta e ci è andata bene vista anche l’ assenza di Cascino espulso e qualche acciaccato. Il secondo posto solitario è un buon risultato al momento , ma il campionato è ancora lungo. La sconfitta dell’Akragas? Sinceramente mi aspettavo che potesse incontrare qualche difficoltà a Piazza Armerina perché giocare contro la Gear fuori casa non è semplice , sia per la loro qualità tecnica e sia anche per un fattore ambientale , il loro campo all’ aperto e molto piccolino rispetto alle misure standard.”

Vincenzo Di Carlo poi analizza la gara con il Città di Leonforte che ha creato qualche insidia al Bagheria: “ Il Città di Leonforte non mi ha sorpreso perché hanno in rosa dei giocatori che hanno fatto tantissimi anni di C1. Noi sul 3 a 1 dovevamo chiudere la partita già nel primo tempo , e invece tenendola aperta abbiamo rischiato, ma siamo stati un po’ fortunati e anche bravi a chiuderla nel finale.” Il Bagheria si prepara a un dicembre molto caldo. Il calendario vede ora i nerazzurri affrontare Akragas, Mabbonath e Final Four, abbiamo chiesto a Vincenzo Di Carlo se questo sarà un momento decisivo della stagione: “Non ci nascondiamo che questo è un momento importante, riuscire a vincere gli scontri diretti ti garantisce, come minimo, di poter lottare per la vittoria fino all’ultima gara del campionato. Sarà fondamentale allenarci bene con serenità, gioia, passione e la giusta mentalità per goderci questo mese decisivo”

Vincenzo Di Carlo è stato oggetto del desiderio di molte squadre di Serie B e C1, ma alla fine il cuore ha scelto Bagheria. Alla domanda chi tra i giovani bagheresi potrebbe essere il “nuovo Vincenzo Di Carlo”, lui risponde così: “E’ una domanda che fa un certo effetto perché ti fa capire che il tempo passa. Non so chi potrebbe sostituirmi ma se volessi fare un nome direi Moncada , perché come me ha iniziato a giocare da pivot per poi adattarsi a laterale e addirittura centrale , questo fa di lui un giocatore intelligente che può dare tanto a questa disciplina.” Ringraziamo Vincenzo Di Carlo per averci concesso questa intervista. Come già anticipato adesso il gioco si fa duro. Con la sconfitta contro la Gear, l’Akragas sarà molto arrabbiata e vorrà senza dubbio riscattarsi davanti al proprio pubblico. Mister Tripoli però potrà contare sul ritorno di Nino Cascino che ha fame di gol dopo l’assenza contro il Città di Leonforte. Sarà una gara di grande spettacolo, questo è poco ma sicuro.

Manuel Busetta – Area Comunicazione ASD Bagheria Città delle Ville